Home / Articoli / Recensione: Eizo cs240

Recensione: Eizo cs240

ATTENZIONE: Il seguente prodotto è stato sostituito dal nuovo CS2420 di cui potete leggere la mia nuova recensione.

I fotografi di tutto il mondo investono migliaia di euro in corpi macchina e ottiche  ma stranamente sottovalutano l’importanza di un buon monitor nell’elaborazione dei propri lavori. Da quando il digitale ha preso il sopravvento, l’elemento chiave di tutta la catena è proprio il display che permette alle fotografie di prendere vita e di essere prima modificate e poi stampate, pubblicate su internet o semplicemente salvate in archivio. Muoversi nella giungla dei modelli proposti dalle case può essere difficile ma ultimamente, per i modelli professionali, si stanno affermando i pannelli con tecnologia IPS e l’ultima evoluzione, costituita dall’IPS GB-r led wide gamut, equipaggia il nuovo Eizo CS240. Attenzione: Il prodotto è stato sostituito con il nuovo cs2420 di cui potete leggere la nuova recensione

Ho desiderato testarlo fin dall’annuncio e visto il numero di discussioni aperte sui forum di tutto il mondo sono sicuro di non essere l’unico; l’interesse nasce dal prezzo e dalle performace attese ed Eizo lo sa bene perché proporre un monitor del genere meno della metà del prezzo del cg247 può davvero sbaragliare la concorrenza e convincere molti fotografi e videomaker a dotarsi finalmente di un monitor di alto livello.

Caratteristiche

Quando la serie SX è uscita di produzione la casa giapponese era rimasta un po’ scoperta nella fascia midrange cioè quella in grado di far ponte tra la serie professionale ColorEdge e la serie più economica EV. Ero certo che prima o poi Eizo avrebbe colmato questa lacuna, ma quello che assolutamente non mi aspettavo è che lo facesse con un CG in “miniatura!”.
eizo cs240

Per permettere a tutti i fotografi di godere di un prodotto professionale Eizo ha deciso di sfidare frontalmente il nutrito gruppo di produttori oggi in pieno fermento che fino a poco tempo fa non sembrava interessato al settore professionale e il modello cs240 sembra nato con questo preciso intento.

Caratteristiche principali

  • Pannello IPS GB-r Led wide gamut
  • 1 miliardo di colori (10 bit con scheda quadro o firepro)
  • Lut 16 bit 1d+matrix programmabile
  • 24 pollici 16:10 ( 1920*1200 ) 94 ppi
  • 100% srgb, 99% adobergb
  • Tecnologia  di controllo uniformità DUE
  • garanzia 5 anni
  • Software di calibrazione color navigator 6 compreso nel prezzo

Eizo cg247

Sembra a tutti gli effetti un CG247 sotto cura dimagrante, nello specifico perde il colorimetro, la lut3d, la palpebra, il controllo sul singolo pannello e lo stabilizzatore di luminosità; cambia quindi una parte dell’elettronica di bordo pur mantenendo lo stesso pannello anche se non dispone del film polarizzato che migliora la stabilità del contrasto come nei due modelli superiori.

– Costruzione

Una volta aperta la scatola pensavo di trovare un monitor uguale al fratello maggiore CG247 privato solamente del colorimetro interno, invece il CS240 utilizza una scocca più semplice, sottile e non paragonabile a quella del top di gamma pur mantenendo una solidità generale buona; probabilmente hanno diversificato gli chassis per mantenere elevate le prestazioni del display ma contemporaneamente contenere il prezzo . Il monitor è prodotto in Giappone, e questo è un pregio, ha una finitura opaca ed al tatto risulta leggermente ruvida il che dona al CS240 un aspetto molto professionale in linea con gli altri prodotti Color Edge. I cavi vengono fatti passare attraverso l’anello posteriore rimovibile sulla base che vedete in foto, anziché nel vano ricavato da sostegno verticale come nel CG247.

cs240

Il nuovo sostegno offre circa le stesse possibilità di posizionamento del CG247, compresa la posizione verticale pivot e una volta montata la base il tutto risulta sufficientemente stabile; non ci si può proprio lamentare.

eizo cs240

Il monitor può essere reclinato posteriormente di circa 40 gradi e la nuova base del CS240 permette un’escursione verticale di 130mm.

eizo cs240

– Gamut

L’Eizo CS240 dispone di un pannello Ips Wide Gamut dotato di tecnologia GB-r led, è quindi giusto aspettarsi ottimi risultati. Gli strumenti confermano che lo spazio colore sRGB è coperto senza problemi ed il volume del gamut del CS240 è di ben il 176% quello sRGB.

eizo cs240 eizo cs240

Anche lo spazio colore AdobeRGB viene inglobato all’interno del gamut del monitor (99% di match e 128% di volume)

eizo cs240 eizo cs240

I risultati confermano le attese e sono, al pari del CG247, impressionanti. La tecnologia AH-IPS combinata con quella GB-r led supera il problema dei precedenti wled utilizzando solamente due diodi colorati (verde e blu) e rivestendoli con una copertura rossa; così facendo lo spazio colore aumenta notevolmente arrivando dove solo le vecchie lampade fluorescenti potevano, pensionandole definitivamente. Ripeto quanto detto nella recensione del CG247: queste performance sono al vertice della categoria.

– Uniformità del pannello

Dopo aver calibrato il CS240 con ColorNavigator e sonda X-Rite i1dDsplay Pro ho verificato l’uniformità della luminosità e del punto di bianco lungo l’intera superficie, punto critico di molti pannelli che al centro esibiscono buone performance mentre ai bordi no.uniformità cs240

L’uniformità di illuminazione di questo pannello LG pilotato da elettronica Eizo e tecnologia proprietaria “Due” è molto buona e sopra la media senza però raggiungere le performance del CG247. La misura del punto di bianco meriterebbe una serie di misurazioni successive per poi fare una media ma ad ogni modo i risultati del Eizo CS240 sulla singola prova sono buoni in linea con quelli registrati sul fratello maggiore.

cs 240 cs 240

cs 240 cs 240

cs 240
Riassunto

– Analisi del profilo di fabbrica

L’eizo cs240 offre due profili colore di fabbrica accessibili  dal menù OSD e servono a chi non possiede un colorimetro con cui calibrare il display, abbiamo quindi un profilo colore adobergb e uno sRGB che ho di seguito verificato: cliccate sui link.

Analisi srgb:

cs240srgb1

Measurement Report adobeRGB

cs240adobe

I risultati sono ottimi e vi consentono di lavorare al meglio all’interno di quei due profili, io consiglio comunque di comprare un colorimetro come l’ottimo X-Rite i1Display Pro  perchè oltre a potervi creare profili personalizzati nel tempo dovrete verificare e correggere anche quelli di fabbrica tramite la funzione automatica che Eizo mette a disposizione nel menù.

– IPS Glow e Backlight bleed

I monitor dotati di pannelli IPS come il CS240 possono mostrare alcuni tipici difetti riguardanti la presenza di aloni più chiari provenienti dagli angoli (glow) e punti di luce anomali provenienti dalla cornice (bleed). E’ un problema che colpisce praticamente tutti i monitor IPS; in alcuni casi è davvero evidente e fastidioso ed è compito del produttore decidere quali pannelli montare sulla propri display e come intervenire per limitare il fenomeno. In questo caso i nostri occhi sono un buono strumento di misura e sono in grado di notare questi bagliori anche guardando un semplice filmato con fondo scuro, ma portando all’estremo il test si può fotografare il pannello in una stanza buia mentre visualizza un’immagine nera. Eizo ha dotato i monitor della serie ColorEdge di una tecnologia chiamata DUE (Digital Uniformity Equalizer) che promette di neutralizzare le fluttuazioni di luminosità e di tonalità lungo l’area del monitor; è possibile impostarla su due differenti priorità: uniformità o luminosità.

cs240 glow

Per mostrare questo fenomeno ho scattato una foto a 1/2 di secondo, iso 1600 e f/3.2  che non rispecchia un normale utilizzo del pannello perché i nostri occhi non avrebbero colto così bene i bagliori. Il bleeding è completamente assente mentre si notano dei leggeri bagliori provenienti dagli angoli in alto (glow) e una leggerissima tinta rossa in basso a sinistra, il tutto è molto uniforme e la prova sul CS240 è andata bene; sul mercato sono presenti monitor IPS con evidenti problemi di infiltrazione di luce ma non è questo il caso.

– Rivestimento e leggibilità

Ho prestato particolare attenzione alla leggibilità dei testi per rispondere ad una specifica domanda che mi è stata posta nei giorni scorsi. Il trattamento opaco sembra lo stesso impiegato sul CGg247 e protegge bene dai riflessi e dalle luci parassite consentendo una leggibilità dei testi molto buona ed a mio parere senza nessun tipo di effetto di granulosità. La prima immagine è stata ripresa con un ingrandimento 2:1 e obiettivo 60mm micro con fotocamenra D800E, la seconda invece con lo stesso obiettivo ma da una distanza maggiore (non macro).

cs240-rgb eizo-cs240-testi

 

 -ColorNavigator 6

Ho già speso molte parole su questo ottimo software nelle precedenti recensioni, nella guida che ho realizzato sulla calibrazione e sono curioso di testarlo con il nuovo CS240 visto che Eizo ha deciso di fornirlo gratuitamente anche per questo modello (mentre con i precedenti display veniva venduto separatamente al prezzo di 200 euro). Una volta installato sul computer ed attivata la funzione di calibrazione, il software prende il pieno controllo del monitor bloccando ogni possibile intervento dal menù OSD. Troviamo meno opzioni rispetto al CG247 e l’esclusione riguarda tutta la parte di emulazione compiuta dalla lut3d, assente sul nostro CS240.

Eizo cs240

Per creare nuovi profili dovremo acquistare una sonda a parte, io ho usato una X-Rite i1Display Pro, il software ne ha già tre preinstallati e se ne possono quindi aggiungere altri cliccando su “create new target”

CG247

color navigator 2

color navigator 3

color navigator 4

CG247

Questo software andrà a modificare i parametri dell LUT 1d+matrix a 16bit (uguale a quella montata sul CX271) presenti nel monitor e quindi la calibrazione sarà “hardware” togliendo in automatico a windows il controllo della gestione del colore. CN6 creerà anche un profilo neutro all’interno della cartella di sistema che serve ai programmi cms come Photoshop per capire come gestire il monitor. CX241 e CS240 fanno quindi affidamento sulla classica e affidabile LUT 1d+matrix e le poche differenze tra loro sono riassumibili con la presenza di un sensore di autocorrezione del profilo e lo stabilizzatore di luminosità.

La validazione del profilo ha restituito ottimi risultati, considerando che il pannello è ancora in rodaggio e che i valori tendono con il tempo ad assestarsi.

eizo cs240 qerwerqwe

-Menù OSD

Tramite i tasti presenti sulla cornice del monitor abbiamo accesso al menù OSD che dispone di molti parametri di configurazione tra cui profili colore preinstallati da usare in “emergenza” qualora non fosse possibile calibrare il monitor con un colorimetro esterno (cosa che consiglio sempre di fare).  Cliccando su “MODE” avremo accesso a questi profili.

eizo cs240

cs240.

La voce CAL2 si riferisce al profilo personalizzato creato con CN6 e salvato nella lut del monitor e che non può essere modificato dal menù OSD al contrario della voce custom che dispone di tutti i controlli manuali.

eizo cs240

Cliccando su advance si possono modificare ulteriori parametri

eizo cs240

Il menù offre altri parametri avanzati le cui funzioni sono spiegate nel manuale del monitor.

eizo cs240

Selezionando “monitor info” compariranno le ore effettive di utilizzo del monitor, utile per verificare se il monitor acquistato è davvero nuovo.

eizo cs240

La potenza del software Color Navigator si riconosce nei particolari ed è così in simbiosi con il monitor che lo blocca quando  sta effettuando le operazioni di calibrazione o di settaggio

eizo cs240

restituendo il controllo all’utente subito dopo aver salvato il profilo nello slot dedicato del monitor.

eizo cs240

 – Connessioni e dotazione

L’Eizo CS240 è dotato di 5 ingressi e due uscite.

eizo cs240

  • HDMI 1.4
  • DVI-D
  • display port 1.2
  • 2 USB 2.0 in
  • 2 USB 2.0 out

Viene fornito con i seguenti accessori.

eizo cs240

  • cavo display port (mini/regular)
  • cavo USB
  • cavo DVI-D
  • cavo alimentazione
  • ColorNavigator6 + manuali e guide complete
  • Guida cartacea introduttiva
  • Attenzione: Il CS240 ha l’attacco displayport di grandezza standard quindi se anche la vostra scheda video ha un’uscita delle stesse dimensioni (foto) dovrete dotarvi di un Adattatore Display to Mini DisplayPort o in alternativa un Cavo DisplayPort 2m con connettore standard, questo perchè Il cavo fornito nella confezione è dotato di un doppio attacco mini/standard (foto).

– Spazio di lavoro

Negli ultimi anni la diagonale degli schermi è cresciuta e con lei la risoluzione, Eizo  ha invece deciso di utilizzare una risoluzione di 1920×1200 che garantisce un perfetto equilibrio tra leggibilità dei contenuti e spazio per elaborare le immagini. Il CS240 è 16:10, cioè un rapporto tra i lati più adatto alla fotografia rispetto al 16:9 e  i 94ppi garantiscono un ottimo comfort visivo.

cs240

Quando le risoluzioni dei display si fanno importanti, i compromessi possono diventare troppi se il sistema operativo e programmi non supportano bene lo scalinge e se da un lato ne guadagna lo spazio su cui poter elaborare le immagini dall’altro può non piacere il ridimensionamento subito da alcuni contenuti; se è vero infatti che i testi possono essere ridimensionati senza perdita di qualità, non succede lo stesso con i contenuti non vettoriali come le immagini jpg. Un monitor così realizzato permette di non mostrare rimpiccioliti  quei contenuti non vettoriali a bassa risoluzione come i jpg sul web che poco si adattano a risoluzioni elevate.

– 10 bit

Il CG247, come il CX271 consente di visualizzare 1,073 miliardi di colori ossia lavora a 10 bit per canale,  rispetto al classico 8bit (16,7 milioni). E’ un grande salto in avanti e nella pratica si traduce nell’assenza di scalettature (banding) in quelle immagini con forti gradienti, come  ad esempio le foto di paesaggio con elevato contrasto tra cielo e primo piano. Per testare i 10 bit potete scaricare il fle ramp:  Test dei 10 bit , Nec 10 bit  3d  e se notate delle bande grigie al posto di un gradiente uniforme i 10 bit non stanno funzionando correttamente.

10-bit

Ho scritto un articolo completo a riguardo e riassumendo per sfruttare questa caratteristica avremo bisogno di:

  • Una scheda video professionale come l‘nvidia quadro o alcune ATI Fire Pro (partono da 150 euro in su)
  • Un cavo display port
  • Monitor 10 bit
  • Programmi in grado di sfruttare questa funzionalità come Adobe Photoshop (dalla versione CS5 in su).
nvidia 620 quadro ati fire pro v4900
Schede video necessarie per i 10 bit

Conclusione

Dopo aver utilizzato questo cs240 per ore e confrontandolo con gli altri due Eizo che possiedo (CG247 e CX271) posso dire con assoluta certezza, rivolgendomi ad un pubblico di fotografi, che difficilmente troverete sul mercato un monitor più completo e performante del CS240 al di sotto dei 700 euro . Eizo ha risposto alla concorrenza colpo su colpo senza limitarsi a proporre un monitor di classe media bensì presentando un prodotto che entra di diritto nella famiglia dei display professionali. Se non vi interessano i 27 pollici del CX271, ora avete l’opportunità di scegliere un monitor professionale con una spesa contenuta ma altamente performante e duraturo (5  di garanzia). Per arrivare a proporre a questo prezzo un “mini CG247“, con le perfomance che ho descritto nella recensione Eizo ha usato alcune astuzie produttive ed eliminato alcuni componenti senza però intaccare le fondamenta del progetto e il risultato è più che buono ma le prestazioni del CG247 restano superiori e le differenze ne giustificano il prezzo (due volte e mezzo superiore). I due modelli non entrano quindi in competizione diretta perché diverso è il mercato di riferimento composto principalmente da professionisti della stampa e videomaker per il CG247 e da fotografi per il CS240.

In conclusione, credo che un fotografo in cerca di un monitor dalle performance solide e con prezzo non eccessivo, che al tempo stesso apprezzi il formato 16:10 e la compattezza di un 24 pollici, dovrebbe seriamente considerare l’acquisto di un CS240.

Assegno le 5 stelle e il premio best value for money per il miglior rapporto qualità prezzo .

EIZO CS240

Prestazioni - 8.5
Caratteristiche - 8
Opzioni - 8
Consumi Energetici - 8.5
Silenziosità - 10
Costo - 8.5

8.6

TOTALE

User Rating: Be the first one !

Mi avete chiesto un consiglio per iniziare ad elaborare le foto con il piede giusto, io vi consiglio questo libro che reputo tra i migliori per chiarezza, provatelo!

eizo cs240

wazer

Link utili

 

cs240

Un ringraziamento speciale a Najo78 per aver svolto alcuni test aggiuntivi.

Ti è piaciuta la recensione? Commenta qui sotto e vieni sul nuovo forum!

Seguimi anche su facebook!

About

Fotografo e blogger appassionato di tecnologia con mille idee in testa che scrive articoli e recensioni complete, esattamente come le vorrebbe leggere sulle riviste specializzate.

Check Also

I 7 libri fotografici da avere assolutamente

Quando inizi c’è solo Bryan Peterson L’autore è un fotografo vero, che calca le scene …

EIZO CG279X il top di gamma 27 pollici. Recensione completa.

Dopo il successo del modello di punta CG277 la casa giapponese EIZO presenta il suo …

119 comments

  1. Mi hai fatto venire voglia di comprarlo 🙂 Per videomaker dici e’ meglio il CG247?

    • Il cg247 è più indicato perchè, oltre la lut 3d, permette di simulare le modalità cinetelevisive standard più conosciute come Rec709, EBU, SMPTE-C e DCI e sono già preimpostate.

  2. ciao, riguardo alla foto con schermo nero e la ‘punta’ di rosso in basso a sinistra…
    pensi che su schermata bianca si noterebbe questa ‘contaminazione’ rossastra?
    Io come ti ho scritto nell’altro thread, ho questo problema sul mio monitor , e stavo pensando di passare a questo Eizo per risolvere la cosa, ma non ho capito se mi ritroverei nella stessa situazione. ho pubblicato delle foto nellla mia galleria, dove spero si veda la leggera dominante blu/rossa nei due angoli in basso. sinceramente li trovo fastidiosi…. 🙁

  3. Ottima recensione, grazie anche per l’analisi del rivestimento antiglare.
    Finalmente una recensione italiana, chiara, completa e molto tecnica fatta da un (bravo) fotografo.
    Eizo sembra aver fatto centro, un best buy per ogni fotoamatore!

  4. Mi sto avvicinando ora al tuo concetto iniziale, di visionare le proprie immagini con strumenti adeguati (parlo da semplice amatore). Pur dovendo approfondire meglio in merito, questa tua recensione è stata utilissima e molto indicativa per una mia prossima spesa

  5. Wazer complimenti per la recensione veramente ben fatta, chiara ed efficace!
    Ti volevo chiedere un consiglio:
    il CS240 è fuori dal mio budget, e poi non faccio molte foto, non sono tanto capace nella post e non lo sfrutterei a dovere. Considerando il fatto che dovrei attaccarlo ad un macbook 2013 con i5 e scheda video integrata quale Eizo (max 350,00 E.) mi consiglieresti senza essere costretto a perdere il sonno dietro calibrazioni e/o sonde varie di cui sono proprio all’oscuro?
    Insonna un monitor di qualità che duri nel tempo ma senza tante complicazioni?
    Grazie e scusa per le troppe domande!
    Ago

  6. Finalmente una recensione in italiano ben fatta ed esaustiva! E’ un monitor molto interessate e come dici è un professionale entry level e non di classe media! Ho capito che dovrò mettere via i soldi per comprarlo al più presto mannaggia a te… 😀

  7. Complimenti, recensione interessante, chiara ed esauriente. Ho appena ricevuto il CS240 ed ho seguito i consigli per sfruttare i 10 bit colore. Appena possibile lo doterò di sonda calibrazione (seguirò di nuovo i tuoi consigli), per ora le immagini hanno già una consistenza superiore, grazie.

    • Ciao Vidu, ottimo acquisto e si con la sonda potrai sfruttare al massimo il monitor con ColorNavigator 6 e tutte le possibilità di settaggio offerte dal programma.

  8. Mi aggiungo ai complimenti per questa perfetta e completa recensione in Italiano. Ho acquistato questo eccezionale monitor da una quindicina di giorni e ne stò apprezzando le qualità giorno dopo giorno, oltre a rendermi conto del fatto che sia uno strumento indispensabile per chi fà della fotografia una passione seria.
    Unico problema: non sono riuscito a capire se, durante la rotazione in verticale dello schermo, il passaggio dell’immagine da orizzontale a verticale sia automatico o debba eseguire prima qualche impostazione da menù. Per ore, dopo averlo ruotato, non succede niente.
    Un saluto Wazer e grazie.

  9. Ottima recensione.
    Un paio di curiosità:
    1) ho visto che viene venduto su Amazon, ma nella scheda prodotto non si fa riferimento al fatto che includa o meno il sw ColorNavigator. Tu l’hai preso su Amazon ?
    2) è possibile fare una calibrazione hw anche non usando ColorNavigator (es. con il software del X-Rite i1dDsplay Pro) ?

    Saluti e auguri!

    • Ciao Giovanni, ho acquistato il cg247 e il cx271 direttamente da Eizo italia ed il software era compreso nel prezzo. Penso che valga lo stesso per amazon magari mandagli una mail per sicurezza. Il monitor può essere calibrato anche con altri software ma non è garantita la “calibrazione hardware”. Personalmente ti consiglio di usare Colornavigator e disinstallare il software di x-rite.
      Buone feste
      Gabriele

      • Ciao Gabriele,
        grazie. Avevo già contattato Amazon; loro dicono che:
        “in merito alla tua richiesta ti informo che se il produttore afferma che il sw è compreso nell’articolo è valida l’indicazione del produttore.
        Inoltre non è possibile per noi verificare se questo è compreso, quindi dobbiamo prendere come valida l’indicazione del produttore. ”

        Mi rimane il dubbio, vabbè che il prezzo è uguale a quello su eizostore.it

      • ..dimenticavo…
        Il dubbio mi rimane anche perchè cercando su Amazon “COlorNavigator” compare:
        “Eizo Licens f. ColorNavigator Softw only if purchased together w/, CN-LICENSEPACK (only if purchased together w/ Monitor)” 422.00 EURO………QUATTROCENTOVENTIDUE ?

        • Mi sembra strano quel prezzo di licenza anche perché sui nuovi prodotti è compresa, ma visto che su amazon costa come sullo store italiano ti consiglio quest’ultimo: contatti e garanzia diretti.
          ciao!

  10. Questa è una splendida recensione Wazer, e penso che lo comprerò; ho da chiederti alcuni chiarimenti/consigli:
    1 – Al momento ho una scheda grafica (Radeon R9-270) che non supporta i 10 bit, comparta da pochi mesi;
    2 – Non ho il calibratore
    Se in attesa di fare questi acquisti lo prendessi, potrei comunque sfruttare le caratteristiche del monitor o mi conviene prima dotarmi di scheda grafica e calibratore e successivamente prendere il monitor? visto che dovrei diluire la spesa?
    Mi sembra inoltre di aver capito che il monitor ha una sua routine di ripristino delle impostazioni/profili di default, ho capito bene? Se si e se la calibrazione di fabbrica è della precisione che tu hai detto nella recensione potrei rinviare l’acquisto dell’Xrite; oppure noleggiarlo, una volta calibrato potrei saltuariamente riportarlo ai parametri che ho ottenuto con la calibrazione?
    Scusa il fiume di domande e ti ringrazio anticipatamente per il tempo che dedichi alle persone che come me non hanno molta dimistichezza con questo argomento.
    Gas

    • Ciao Gaspare, grazie per i complimenti ..fanno sempre piacere 🙂
      Secondo me ti conviene puntare prima sul monitor, per iniziare puoi usare i profili preistallati che sono buoni, ad esempio dal menù osd potresti selezionare adobergb quando elabori e srgb quando navighi sul web, poi con la sonda creerai un profilo molto preciso sfruttando tutto il gamut del monitor se lo desideri.

      Il monitor viene fornito con il software di calibrazione Color Navigator 6 che ti consiglio di installare anche senza colorimetro così potrai passare da un profilo all’altro direttamente da windows; ricorda solo di non installare anche il software x-rite quando lo acquisterai.

  11. Ciao e grazie mille Wazer, i complimenti sono meritatissimi, ti ringrazio per i consigli e per il preziosissimo supporto, quindi mi confermi che in attesa del colorimetro con N6 potrò sempre riportare il monitor alle impostazioni/profilo di partenza utilizzandolo come un sistema basilare di calibrazione?
    Grazie Gas

  12. Ciao Wazer,
    ho letto con molto interesse la tua recensione, davvero molto interessante, grazie.
    Dato che ho problemi di affaticamento visivo ti volevo chiedere se potevi anche effettuare un test fotografico per verificare se il monitor usa la PWM (Pulse Width Modulation) e quindi stanca gli occhi tipo i miei oppure no. Per maggiori informazioni su come effettuare il test, trovi delle spiegazioni su TFTcentral (http://www.tftcentral.co.uk/articles/pulse_width_modulation.htm).
    grazie Lambo

    • Ciao, purtroppo non ho più il monitor e non posso effettuare il test. Essendo un pannello gb-rled dovrebbe avere gli stessi valori del cx271 che pur avendo il pwm fornisce un’illuminazione continua se utilizzato al 100% di luminosità 120 cd, mentre al 50 % mantiene comunque un’altissima frequenza (circa 16-17khz).

  13. Buongiorno,
    inizio col complimentarmi per l’ottima recensione, concetti complessi che a un neofita come me, che si sta documentando per l’acquisto di un monitor per fotoritocco, sono risultati molto chiari.
    Grazie ai commenti ed alle sue risposte ho anche diradato parecchi dubbi.
    Ho visto l’articolo sull’uso dei 10-bit con PS e mi sorge una domanda: io utilizzo LR4 su un pc portatile con Windows 8 e scheda video dedicata nvidia Geforce 840M, pertanto escludendo la possibilità dell’uso a 10-bit, dovrei comunque ottenere una profondità di 8-bit?
    Spero di essermi spiegato abbastanza bene, la materia mi risulta ancora piuttosto ostica…
    grazie

    • Ciao Francesco ( diamoci del tu 🙂 )
      Con la tua scheda grafica purtroppo non puoi sfruttare i 10 bit per canale e ti confermo gli 8bit, che saranno nativi nel caso collegassi il portatile all’eizo cs240 mentre potrebbero essere 6+frc con altri monitor più economici (da verificare modello per modello).

      • Grazie Wazer,
        ok, diamoci del tu 😉
        perdona l’ignoranza… 6+FRC sta per?
        Tanto per fare nomi, l’altro monitor che sto valutando è il dell2413, col quale penso potrei avere sempre gli 8-bit… ma il prezzo di Eizo è decisamente interessante comparandoli e leggendo vari commenti in rete…
        La mia idea sul monitor è che possa durare parecchi anni il che giustifica anche spese importanti col beneficio per gli occhi e per la qualità della pp: confermi questa mia idea?
        grazie

        • Significa che il pannello non è un “vero” 8bit ma un 6bit a cui si somma del rumore sui campioni per mitigare gli effetti distorcenti del troncamento. Detta in parole povere i pannelli 6bit+ frc non raggiungo i 16,7 milioni di colori visualizzabili, come un vero 8 bit, ma tramite questo “artificio” possono far apparire meno netti i salti tra un tono e l’altro. Il dell 2413 è un 8bit+frc, e vale lo stesso discorso ossia raggiunge i 10 bit in modo fittizzio ma se ben implementato, il dithering, svolge un ottimo lavoro come sugli eizo. Se ti interessa un monitor con una lunga garanzia il cs240 è l’unico sotto i 1000 euro ad offrirne una di 5 anni.
          ciao!

  14. Ciao Wazer, come già sai ho preso il CS240, sto seguendo anche il tuo topic in Juzaphoto ” http://www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&t=1123253 ” sono al lavoro e approfitto di un momento di calma per chiederti alcuni chiarimenti:
    1) nel mio OSD oltre ai MODE presettati è attivo solo il CAL1 per qualsiasi profilo di CN uso e non il CAL2 come in questa review, c’è la possibità di salvare delle impostazioni anche tramite il menù dell’OSD?
    2) pensavo di trovare un certificato di calibrazione, non è previsto?

    • Ciao,il profilo verrà salvato nella lut del monitor all’interno di: Cal1 se stai utilizzando il collegamento dvi-d, Cal2 con display port, Cal3 con hdmi.
      Cn6 ha la priorità sul menù osd e quando lavori con il programma viene bloccato, non puoi modificare il profilo salvato nelle lut tramite ods, ma se vuoi puoi farlo con “custom”.
      2) Non ricordo se era presente nella confezione.

  15. Ciao Wazer e complimenti per la recensione che, mi ha convinto ad acquistare il CS240. Se non ho inteso male però, per effettuare la calibrazione dovrò dotarmi di una sonda esterna; saresti così gentile da indicarmene una nel merito? Grazie e un saluto. Angelo

  16. Salve un informazione il cavo per collegare il CS240 au un Imac 27 e’ nella confezione di vendita?? o bisogna comperare qualche cavo dedicato in Apple store??o in Eizo?
    Grazie

  17. salve,
    ottima recensione!!!
    sono sempre più orientato sull’acquisto del cs240, vengo da un asus pa249q, ma non ne sono soddisfatto.
    ho la scheda video a 8 bit, cosa comporterebbe utilizzare il cs240 con soltanto la scheda 8 bit?
    comunque più avanti penso di acquistarne una da 10bit.
    grazie a ncora

    • Posso chiederti cosa non ti soddisfa dell asus?Cmq non succede nulla a collegare un monitor 10bit x canale a una scheda a 8bit, semplicemente vedrai un pó più di banding in certe occasioni

  18. ho acquistato un eizo cs240. ho fatto la calibrazione con il colorimetro spyder3, sia con il sw datacolor che con il colornavigator, ma non riesco ad avere dei risultati soddisfacenti.
    quello che ho visto che se setto sul sw datacolor come wb native il risultato è migliore (possibile che la mia scheda video nvidia 8400gs non abbia la possibilità di caricare le tre curve LUT)??
    sul sw colornavigator non si può impostare wb native?
    quando faccio la calibrazione è meglio che imposto l’osd su custom ed agire manualmente sui controlli?
    grazie in anticipo

    • Ciao Michele, non devi usare il sw datacolor perchè non accede alle lut del monitor e ti consiglio di disinstallarlo e controlla che all’avvio di windows non ci sia il lutloader. Vieni sul forum che ne parliamo meglio.

  19. Buongiorno Wazer e complimenti davvero per questa esaustiva recensione.
    Vorrei anche io chiederti un parere.
    Eri intenzionato a comprare un recentissimo Eizo Ev2455, dato che scatto e stampo anche per le mie mostre e per le cerimonie principalmente in sRgb.
    Questo Cs240 mi permetterebbe di visualizzare al meglio i colori rispetto al 2455 (che copre solamente il 97% del gamut sRgb?
    Grazie in anticipo e ancora complimenti

    • Buongiorno Enrico, il cs240 appartiene ad una classe di monitor superiore alla linea Ev al di là del gamut in questione poi ovviamente se stampi è meglio avere un gamut più ampio del sRGB.

  20. Ciao Wazer, mi complimento per tutto, grandissima recensione. Professionalissimo.
    Volevo porti una semplicissima domanda.
    Il mio interessamento passa per la giusta fedelta’ dei colori sull’eventuale stampa, capisco che la pp e’ fondamentale oggi, anche se non calco mai la mano, nel mio caso lavoro molto con camera raw.
    Quindi la mia domanda e’ se sono sul prodotto giusto, rimanedo su questo budget.
    Non so poi quanto sia importante sapere che elaboro le immagini solo in bianco e nero. In questo caso mi basterebbe qualcosa di diverso, magari di piu’ economico ma che mi dia sempre la giusta fedelta’ tra monitor e stampa?
    Grazie mille e dinuovo complimenti.

    • Ciao Giovanni, il cs240 non ha grossa concorrenza per via del prezzo e se scendi trovi i vari dell/asus/benq che montano lo stesso pannello ma con elettronica/software/dotazione molto differente. Non è necessario essere dei bravi elaboratori di foto per apprezzare un monitor di questo genere, ogni elemento visualizzato godrà dei benefici che ho descritto nella recensione e proprio nel bianco e nero i 10 bit danno il massimo. (con relativa scheda video). L’investimento è importante, ma con una garanzia di 5 anni è quasi un investimento.

  21. ciao, ho appena comprato il cs240. sto facendo la prova dei 10 bit e quando apro il file con photoshop cc 2014 vedo le bande grigie.
    uso macbook pro retina 13″ del 2014

  22. Ciao sono indeciso tra EIZO CS240 descritto nella recensione e il nuovo DELL P2415Q-C. Tu quale consiglieresti da abbinare ad un Mac Book Bro 15″ retina?

    Scopo elaborazione fotografica.

    • Che utilizzo ne fai? Sono due monitor molto diversi tra loro: il Dell è un srgb UHD semi opaco con due anni di garanzia, mentre l’eizo è un ultrawide gamut, fullhd, completamente opaco antiriflesso con 5 anni di garanzia. Le differenze non finiscono qui.
      ciao!

  23. Ciao Gabriele ,
    Ho letto con molta attenzione la tua recensione e ho apprezzato la chiarezza e la competenza con la quale è stata esposta , io sono un fotoamatore Nikonista dal 2007 , ho tutto da imparare e da quando sono in pensione ho piu tempo e sto cercando di apprendere tutto quello che riesco sull’arte della fotografia . Da tempo sto cercando la qualità di questo monitor e ti volevo chiedere se questo monitor è conpatibile con la mia scheda video : NVIDIA
    Modello GeForce GTX 760 (192-bit)
    Grazie , cordiali Saluti Renato

  24. Giancarlo ferrari

    Buongiorno.intanto mi presento.mi chiamo giancarlo e sono un fotografo amatore da anni.
    Fino ad ora ho usato un imac x catalogare ed elaborare le mie foto.ma ora sta cominciando ad essermi stretto.
    Ringrazio molto x la recensione dettagliata.ora pongo un paio di domande.sto assemblando
    un computer nuovo.come scheda grafica userò una GeForce gt 740 4gbGDDR5.abbinata a un Intel i5 4690k quad core 3.50 Ghz.gpu int hd 4600. E come mobo gigabyte z97x-ud5h.chipset intelz97atx.mi pare che la scheda supporti i 10 bit. Assemblerò tutto questo x un uso a lungo termine.ed i componenti diciamo che sono quasi obbligati.potrei usare se caso lo spyder 4 pro x la calibrazione hw? O sarei obbligato ad andare su x rite? Tenendo presente che l’uso sarebbe prettamente amatoriale.tenendo conto di questo il cs 240 sarebbe un monitor giusto o mi poteri accontentare di qualcosa di più economico sempre in casa Eizo? Nel frattempo ringrazio x una sua eventuale risposta.
    Buona giornata
    Gian

    • Buongiorno Giancarlo, per i 10bit è sicuro? Forse hanno inserito questa possibilità di recente (nuovi driver) ma in passato solo le schede quadro/fire potevano sfruttarli. Il cs240 è un investimento, ad oggi è difficile batterlo come rapporto prezzo/prestazioni con in più i 5 anni di garanzia e onestamente, parlando tra fotografi, non andrei su prodotti di classe inferiore. Discorso sonda: provi a calibrarlo con lo spyder 4 se i DeltaE sono buoni non ci sono problemi.

      A presto
      Gabriele

  25. Ciao, complimenti per la recensione del monitor.
    Sto cercando un monitor che abbia sia le caratteristiche per la postproduzione fotografica, sia per il montaggio video.
    Cosa mi consiglieresti, attualmente ho un macbookpro del 2012 e volevo inizialmente collegare al monitor per poi comprarmi una postazione mac, ma pro o ma mini..
    Grazie
    Ciao
    M

    • Ciao Michele, quali caratteristiche ti interessano particolarmente per il montaggio video? La serie CG ha una lut 3d interna programmabile, puoi creare anche profili con lightspace.

  26. uso final cut per video commerciali, backstage, ma principalmente il monitor lo userei per foto. Volevo sapere se il cs240 poteva andare bene per i due utilizzi.
    Ma il cs 240 c è il modello led e LCD?
    Grazie per la risposta
    M

    • Il top video/foto è il cg247 (restando sui 24 pollici fullhd) ha una lut3d che torna comoda per creare profili anche con lightspace, quindi prettamente video. Inutile dire che anche per le foto è il top. Mi pare di capire che non usi 3dlut esterne, comunque il cs240 ha una lut interna 1d+matrix, sempre 16 bit ed è comunque superiore alla maggior parte dei monitor che trovi in commercio. Quindi se non hai particolari esigenze vai di cs240, che costa meno della metà Eizo CS240-BK LCD Monitor 24 “

  27. Grazie mille
    Molto gentile

  28. ciao,
    ho finalmente acquistato la xrite 1 pro. ho seguito le tue guide e ho installato i due profili (per fotografia e quello per navigazione web).
    lo schermo pero’, soprattutto in presenza di background bianchi, mi pare troppo luminoso per i miei occhi.

    mi chiedevo, se diminuisco la luminosita, addirittura al 20 o il 15% , se mi cambia la percezione dei colori impostati tanto faticosamente. In altre parole, la calibrazione vale solo per quella soglia di luminosita? se si , ripetendo il processo con la luminosita’ che mi si adatta di piu’, ottengo valori di nuovo affidabili?

    scus l’ignoranza, ma desideravo cominciare a lavorarci e la teoria la leggero’ piano piano nei prossimi giorni.

    grazie

  29. ok grazie tante. adesso ci provo e vediamo come va. sei un faro! 🙂

  30. rieccomi… stavolta stavo cercando di fare un profilo abbassando la luminosita a 60 (il limite minimo possibile) e come target avevo indicato native gamut. comincia a funzionare con la sonda al centro dello schermo, e quando sta misurando il ‘monitor gain’ inesorabilmente si blocca.
    Da premettere che ieri sera, seguendo esattamente la tua guida e’ andato tutto bene e ho creato 2 profili.
    non capisco cosa possa essere. non dovrei scegliere native ? ti e’ mai capitato? grazie

    • Uhmmm.. strano, vieni sul forum che ne parliamo meglio.

      • Mi sono ri registrato sul forum numero due, perchè pare che la vecchia password non andasse più e non riuscivo a recuperarla. Vabbe adesso sono michele 61, ma dice che ci vorrá un po per essere registrati. Aspetto. Spero intanto che non si sia guastato nulla 🙁

  31. Ciao,
    come si comporta con i film in dvd e streaming
    grazie

  32. Salve Wazer,
    utilizzo questo monitor da due giorni e creato i due profili suggeriti con x-rite i1Display Pro.
    Per caso conosce il valore del punto di bianco dei profili predefiniti sRGB e AdobeRGB? Con questi vedo il bianco “giusto”, mentre risulta tendente al giallo calibrando a D65.
    Ho inoltre valori alti di deltaEab sui rossi (anche 8-9) con gamut nativo. Può dipendere dalla sonda?
    Grazie

    • Il punto del bianco dei profili di fabbrica è d65 per entrambi ed equivale circa a 6504 K, il deltaE mi sembra troppo elevato.. riesci a fare una schermata della validazione?

      • Vedo che in verità il risultato è 6491 K e forse dipende da questo la dominante gialla. I valori alti di dE spero dipendano dal target esteso.
        Grazie dell’aiuto.

        • Hai rifatto i profili a distanza di 200 ore?

          • Ciao Wazer!
            Prima di tutto complimenti per l’ottima recensione, ho intenzione di acquistare questo monitor per color grading, e con lo spyder spero di potermi impostare il rec 709 e altri profili… Volevo chiederti se conosci possibili differenze fra la versione CS240-BK e la CS240-CN, ho dedotto che sia solo la provenienza giusto? Perchè ovviamente la CN (dove se ne parla solo su siti giapponesi) costa meno!
            Grazie

          • Ciao! Dovrebbe trattarsi dello stesso prodotto ma per sicurezza scrivi una mail ad eizo italia 🙂

  33. Ma si può usare lo Spyder4Pro per la calibrazione?

  34. Ciao e complimenti per la recensione. Vorrei chiederti, ho un macbook pro late 2011, ma leggendo i commenti mi ha confuso un po la questione dei 10 bit del monitor..ad esempio io potrei sfruttare a pieno le potenzialità del monitor collegandolo al mio macbook? (scheda grafica Intel HD Graphics 3000 384 MB)
    E un’altra cosa, come prestazioni questo Eizo è molto inferiore al Dell U2713H IPS 27″?
    Grazie!

  35. Ho seguito i tuoi consigli e usato i tuoi test per valutare i 10bit sul CS240, però lo shootscreen e le trasparenze funzionano ugualmente, nonostante il test sull’immagine con i gradienti di grigio mostrino il pieno funzionamento dei 10bit,come mi hanno confermato i tecnici Eizo,forse ciò non vale per tutte le schede grafiche? Grazie e complimenti per il tutorial

    • Se i test funzionano non ti preoccupare, i continui aggiornamenti di windows hanno parzialmente risolto il problema (in qualche caso permangono). Che sistema operativo hai?

  36. Ciao Vittoria,
    usi una 3d lut esterna per i tuoi lavori di post produzione cinematografica?

  37. Complimenti per la recensione.
    Vorrei comprare il monitor EIZO CS240 da usare con Lightroom 5 con il mio mac book pro 13″ mid 2010 con la scheda grafica NVIDIA GeForce 320M 256 MB. Sono però incerto sul fatto che la scheda grafica sia adeguata alle prestazioni del monitor.
    Che ne dici?

  38. Innanzitutto complimenti per il sito e per la tua preparazione!
    Sono interessato al CS240 da usare con Lightroom con il mio Apple iMac “Core 2 Duo” 2.66 20-Inch (Early 2009) per qualche tempo in attesa di cambiare computer.
    E’ completamente compatibile?
    Grazie per l’eventuale risposta, un Saluto

  39. ciao complimenti per la guida dettagliatissima, ho appena acquistato il cs240 ma mi serviva un consiglio per la calibratura.

    Utilizo colormunki photo, devo calibrare attraverso il color navigator 6, o attraverso il software colormunki? perchè le due calibrazioni sono molto differenti.
    E per adattare la stampante al monitor? Grazie mille in anticipo

  40. Costantino Briani

    Ciao, complimenti per l’ottima recensione. Ho ordinato un MacPro cilindro (ancora da consegnare) e stavo pensando di sostituire anche i 2 Cinema Display20″ (del 2009) con 2 CS240, ma non ho ancora capito se ora con MacOs 10.11 si possono sfruttare i 10 bit, il mac ordinato monta due FirePro D500. Grazie mille!

  41. Ciao, innanzitutto complimenti per la recensione, possiedo un HP dv7 6190sl (portatile) con scheda grafica AMD Radeon HD 6770M (2 GB GDDR5 dedicata). Vorrei affiancarlo al monitor EIZO che hai recensito. Essendo un pc non recentissimo riesco a sfruttare appieno le capacità del monitor per utilizzarlo con Photoshop e lightroom?grazie

  42. Grazie per la tua disponibilità, purtroppo non era presente nessun manuale cartaceo, ma quindi posso sfruttare appieno le potenzialità del monitor con il mio portatile, collegandolo con l’ HDMI?inoltre quale sonda mi consiglieresti per calibrarlo?grazie

    • I 10 bit non li puoi sfruttare, per il resto dipende dalla scheda video e dai driver. Dal manuale che ti ho linkato sembra reggere il fullhd 16:10 ma andrebbe verificato. Per la sonda trovi il link nella recensione, secondo me è la migliore qualità/prezzo.

  43. Ciao Wazer, mi accodo agli altri e ti faccio i complimenti: setacciando il web in cerca di uno schermo, ho trovato te e ora non ti mollo più.
    Vorrei, se puoi, il tuo parere: sono un assistente fotografo in aggiornamento e con clienti sempre più grossi ho bisogno di materiale più professionale per la post produzione di foto. Adopero un pc lenovo con scheda grafica NVidiaGeForce GTX 860M. Non potendomi permetter un cg247 (quello che vorrei) ho optato per una soluzione diversa: due schermi uno dei quali da portare in trasferta (siccome ci vado spesso e spesso le foto vengono elaborate in loco). Allora il CS240 mi è sembrata un ottima scelta come schermo da scrivania (ma nel caso, con un po di fatica, trasportabile), soprattutto dopo aver visto che tu lo reputi uno schermo professionale per fotografi (diversamente dal sito Eizo, che mi ha diretto verso la più costosa linea CG). Ora… cercherei un secondo schermo, se possibile più piccolo ed economico, che si possa portare in viaggio. Magari ne esistono di ottimi, fuori la serie color edge, che coincidono con le mie esigenze?
    Nel complesso ti sembra una soluzione sensata per trarre il miglior vantaggio da un budget di 1100-1200 euro? e il cs240 (o meglio il cx240?) più un piccolo “non color edge” si adattano alla soluzione?

    sono stato un po prolisso ma grazie per l’attenzione!
    Son curioso di conoscere la tua risposta

    • Ciao, se il tuo budget è intorno ai 1200 potresti prendere direttamente due cs240 e lavorare molto bene, visto il costo attuale: http://amzn.to/2ew1gM0

      • Grazie della risposta,
        il fatto è che pensavo a qualcosa di piccino da portare in giro. Sto lavorando ora con un fotografo che ha un vecchio CG 19 che in questo senso è fantastico essendo solo un 19″. Non c’è qualcosa di simile in giro o nelle vecchie produzioni?(ma non troppo come il CG19 che è del 2004) ho visto che ora il piu piccolo è il flex scan ev2216w. Misura però 22″, solo 2″ in meno del Cs240.
        a proposito del cs240. ho visto il cx 240 praticamente allo stesso prezzo. conviene il cx al posto del cs?
        grazie ancora

  44. Ciao Wazer, ti faccio i complimenti per la recensione sul monitor Eizo CS240, ora sostituito dal CS2420 al quale sarei interessato. Infatti dopo vari pellegrinaggi sui forum sono giunto alla conclusione che, malgrado il suo prezzo non sia così basso, probabilmente le sue ottime caratteristiche lo giustificano. Se hai avuto modo di analizzare anche il CS2420, vorrei chiederti un parere per quanto riguarda il lato video. Oltre alla fotografia, mi diverto anche a fare un po’ di video editing e sarei curioso di conoscere il suo comportamento con il tempo di risposta del suo display, che a dir la verità è un po’ più lungo della media. Inoltre ci potrebbe essere sempre l’occasione di vederci un film. Ti ringrazio tanto.

    • Ciao, lo sto testando in questi giorni e mi sembra allineato al cs240 come performance quindi indirizzato sicuramente alla fotografia e in parte al video, ma i tempi di risposta non sono da monitor per gamer perchè è progettato per fare altro.

      • Ciao Wazer
        Ti ringrazio molto per la risposta. Infatti non pensavo ai giochi, dove servono tempi di risposta ancora più elevati. Mi accontentavo della visione di video o film senza effetto scia.
        Approfitto ancora della tua competenza: in mancanza (per adesso) di una scheda video a 10 bit è comunque preferibile lavorare in uno spazio adobe rgb a 8 bit rispetto al srgb? O il banding è più evidente rispetto al srgb, essendo gli stessi 16.7 mln di colori distribuiti su uno spazio più ampio?
        Grazie ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.