Profilo colore del monitor e Windows 7

profilo colore del monitor e windowsAttenzione: Guida non adatta ai possessori di monitor Eizo Colorgraphic con Color Navigator installato. Non testata su Windows 10.

Può capitare che il sistema operativo Windows 7 non carichi correttamente il profilo colore nonostante sia installato il relativo programma chiamato lutloader, le cause possono essere molteplici ma nella maggior parte dei casi è dovuto all’errata assegnazione del profilo verso l’utente e non a livello di sistema.

La cartella contenente i profili colore è C:\Windows\System32\spool\drivers\color

Prima di mettere in pratica la procedura è necessario che :

  • Il sistema operativo sia windows 7 (non ho verificato con altre versioni)
  • Abbiate creato un profilo del monitor con un colorimetro o spettrofotometro e riavviato il computer.
  • Verificato tramite questo software ( LINK ) che tutti i numeri nelle colonne R G B siano uguali e che il grafico sia composto da una retta a 45 gradi ( sintomo di un problema nel caricamento del profilo )

Procedura

1) Tasto destro sul desktop e clicca su risoluzione dello schermo

profilo colore del monitor e windows

2) Impostazioni avanzate

profilo colore del monitor e windows

3) Gestione colori

profilo colore del monitor e windows

4) Qui troverete il profilo di colore generato dal colorimetro caricato però a livello utente e non di sistema quindi andiamo avanti e clicchiamo su avanzate (in alto)

9

5) Noterete la voce in grigio chiaro al centro della pagina  “usa taratura schermo di windows” non barrata e non modificabile,il problema è proprio questo e il profilo non viene caricato a livello di sistema . Per attivarlo clicchiamo in basso : “Cambia valori predefiniti di sistema”

profilo colore del monitor e windows

6) Se il riquadro è vuoto aggiungere il profilo con “aggiungi ” scorrendo la lista selezionare quello creato con il colorimetro e cliccare su “imposta come profilo predefinito” ,se fosse già presente un profilo assicurasi sia quello voluto e  poi clicchiamo su avanzate profilo colore del monitor e windows

7) Spuntiamo la casella “usa taratura di windows” e clicchiamo su chiudi

profilo colore del monitor e windows

8) Ora a differenza del punto 5 il riquadrino è barrato

profilo colore del monitor e windows

9) Chiudiamo e riavviamo il computer .

10) Verifichiamo con questo programma http://www.xrite.com/product_overview.aspx?ID=795&Action=Support&SoftwareID=546 che il profilo sia effettivamente caricato nella lut della scheda video ,per capilo basta lanciare l’eseguibile e controllare che i numeri siano diversi nelle tre righe R G B ,qui sotto un esempio.

profilo colore del monitor e windows

Note di fondo pagina : Per sicurezza ho disabilitato il lutloader nel registro di sistema di windows ma non penso sia necessario inoltre internet explorer è l’unico che ha riconosciuto un profilo v4.

Il logo di windows 7 è di proprietà di Microsoft Corporation

-> Ho un messaggio per te <-

Ho ricevuto moltissimi messaggi di richiesta per i libri sulla gestione del colore/calibrazione e sulla fotografia. Ve ne consiglio tre:

  • Questo è semplicemente uno tra i migliori libri, per chi inizia a fotografare, che abbia mai letto riguardante sia la fase di scatto che la comprensione dell’esposizione fotografica. É per principianti con qualche chicca per gli intermedi. Gli avanzati invece lo tengono in libreria, sfogliandolo di tanto in tanto in modo terapeutico dopo ore di postproduzione. L’autore è un vero fotografo che svolge questa professione da almeno 30 anni. La prima edizione usci nel 1990! La mia preferita è la terza revisione, ma è in inglese.
  • Photoshop si sa, può essere una “brutta bestia” da domare e questo libro ne spiega i dettagli in modo chiaro. Permette a tutti di farsi velocemente un’idea chiara sul mondo della correzione del colore.
  • La gestione del colore è mondo multi disciplinare a volte complesso, mi sento quindi di consigliarvi il libro di Tom Ashe perchè risulta relativamente semplice da comprendere. Può essere suddiviso in capitoli e ripreso tante volte, in modo da trovarvi preparati quando frequenterete un mio workshop sulla gestione del colore 🙂

About Gabriele Spadoni

Fotografo, informatico e blogger con mille idee per la testa e un approccio scientifico alla gestione del colore. Scrivo articoli informatici come li vorrei leggere sulle riviste specializzate.

Check Also

Colorimetro EIZO EX4

Lo strumento più economico per la profilazione dei monitor Questo articolo nasce per chiarire alcuni …

Eizo CG319x, la recensione di Alberto Ghizzi Panizza

Era da più di 13 anni che non cambiavo monitor, perchè questa è una delle …

8 comments

  1. Gabriele ciao,
    Causa strani comportamenti del mio win 7, ho letto questo ottimo articolo riguardo dei problemi con i profili colore, tutto chiaro e risolto. Grazie!
    Una domanda che mi incuriosisce è su quel programma “calibration tester” ed è questa: se io leggo, dopo una calibrazione, valori numerici diversi tra r-g-b- vuole dire che ho una scheda video con le lut separate?

    Ciao
    Max

    • Ciao Max, se il programma restituisce una retta a 45 gradi significa che le lut esistono nella scheda video, che sono caricabili e che sono in attesa di essere modificate, se invece ti compaiono tre curve separate significa che hai tre lut ,una per ogni canale r g b, che sono programmabili separatamente e che il profilo è stato correttamente caricato da windows. Se invece le tre curve di riposta tonale sono uguali per ogni primario hai una lut singola e il consiglio è quello di lasciare il punto di bianco nativo (succede maggiormente nei portatili).

  2. Grazie Gabriele, avevo interpretato giusto, questo programma è molto utile, cosi come la tua ottima spiegazione per win 7 e i profili colore!

  3. Nel caso si usi un monitor come eizo calibrato con color navigator che scrive le lur direttamete nel monitor e non nella scheda video quali sono le giuste impostazioni di gestione colore e uso del profilo in win 7?

  4. Perdona l’ignoranza, potresti spiegarmi come disabilitare il lut loader di window 7 da registro di sistema. Personalmente preferisco gestire il colore dagli applicativi evitando quel popò di inutili e incomprensibili combinazioni che MS ci propina nella scheda Avanzate. L’Help di MS è poco chiaro e sul WEB non ho trovato spiegazioni convincenti circa la ricaduta sulle immagini del marchingegno. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.