sabato , giugno 24 2017
Home / articoli / Guida alla calibrazione: Eizo Color navigator 6

Guida alla calibrazione: Eizo Color navigator 6

Guida alla calibrazione: Eizo Color navigator 6

Cg2730

Color navigator e’ un potente software per la creazione di profili e gestione sviluppato da Eizo per i monitor della serie Coloredge e che permette il completo controllo del display in ogni sua funzione. Questa è la prima di una serie di guide sulla creazione di profili e settaggio dei monitor coloredge ed è basata sull’ultima versione disponibile 6.4.18

Operazioni preliminari

Dopo aver connesso il monitor al computer tramite display port va collegato anche il cavo usb tipo B (quello da stampante) oppure la usb 3.0 sui nuovi modelli, successivamente va installato sul computer il programma contenuto nel cd o l’ultima versione direttamente dal sito: Color navigator. I monitor Eizo CG (a parte il cg2420) sono gli unici ad avere un colorimetro integrato completo, a differenza di CX e CS  che invece necessitano di uno strumento esterno da collegare ad una porta usb del pc oppure ad una delle due libere del monitor; mentre il software fornito con il colorimetro esterno non sarà più necessario e si può disinstallare. La lista dei colorimetri e spettrofotometri compatibili con color navigator è mostrata in fondo a questo link .

Una volta installato, il software di Eizo, prende il pieno controllo del monitor escludendo il sistema operativo dalla gestione dei profili e rendendo di fatto impossibili i vecchi conflitti di windows 7.

Il primo profilo

Questa procedura consente di creare un profilo ICC adatto all’elaborazione di foto con programmi cms come ad esempio photoshop, sfruttando tutto il gamut del display. Nella prossima guida vedremo come realizzare un profilo adatto alla navigazione web per quei browser che non compensano a monitor. Iniziamo cliccando con il tasto destro sull’icona di colornavigator, nella barra di windows e selezioniamo la voce: “start colornavigator” e aspettiamo l’avvio del programma.

colornavigator

colornavigator

Ignoriamo momentaneamente i profili precaricati (Target) e creiamone uno nuovo cliccando su “create a new target”.

eizo color navigator

Ora selezioniamo “enter manually” e proseguiamo.

CG247

Può sembrare strano che come prima domanda il software chieda quali primari utilizzare ma si tratta di una funzione di emulazione che in questo primo tutorial non tratterò, scegliete quindi “Monitor native” e proseguite cliccando “next”.

CG247

Dobbiamo scegliere la luminanza (brightness) e la cromaticità del bianco (white point). Sconsiglio di estendere la luminanza anche per motivi di garanzia del monitor, mentre il punto di bianco può essere selezionato usando i gradi Kelvin o le coordinate x y. Per un uso Web/Fotoritocco consiglio D65(65004 Kelvin) e 120 cd/m, se dovesse risultare troppo “freddo” ossia con una dominante blu troppo presente si può provare con 6200-6300 e 110 cd/m .

CG247

Ora il software propone di scegliere la luminanza del nero ma lasciatela così com’è (minimum)

Eizo cg248 Color Navigator 6

Ora dobbiamo scegliere il valore della curva di risposta tonale (TRC) e consiglio di lasciare l’opzione “all rgb” selezionata, in questo modo sarà uguale per tutti e tre i canali. I migliori risultati li ho ottenuti con gamma 2.2, in alternativa si può scegliere L* con Priority su standard.

CG247

Dopo aver selezionato il nome del profilo (consiglio di lasciare quello di default) va scelto il colorimetro da utilizzare: il cg247 (cg277) ne possiede uno nella cornice del monitor mentre il cs240 e il cx271 no e necessitano quindi di uno strumento esterno da collegare ad una porta usb per poi selezionarlo qui sotto.

cg247
scelta del colorimetro

color navigator 2

Prima di continuare consiglio di spegnere le luci e chiudere le tapparele in modo da creare un ambiente quanto più possibile privo di luci e riflessi, poi va posizionata la sonda dove viene indicato dal programma al centro della superficie del monitor. Consiglio di reclinare leggermente indietro il display per farla aderire bene e poi cliccare su “proceed”.

color navigator 3

La misura ha inizio e bisogna attendere circa 3-4 minuti, il monitor sta agendo direttamente sulla LUT del display, bypassando quella della scheda video.

color navigator 4

Non è ancora finita.. manca la validazione del profilo: clicchiamo su “Finish” con “start validation” selezionato.

color navigator 5

Scegliete il target di riferimento: Basic RGB è quello più veloce mentre iso 162246 profile quality è più preciso ma lento. Cliccate ora su “next”.

color navigator 6

Abbiamo finito, il monitor Eizo è settato a dovere e i risultati sono riportati nella seguente schermata.

color navigator 7

Il profilo di un monitor nuovo andrà rifatto dopo le prime 50-80 di utilizzo, passata la fase di rodaggio si stabilizzerà e potranno passare anche 200-300 ore prima di rifarlo con  “adjust” . Potete verificare questo comportamento semplicemente lanciando una “validazione” del profilo e osservando la crescita dei valori nel tempo, all’inizio questo fenomeno sarà più evidente. Cliccando su detail possiamo vedere i risultati.

Il profilo verrà salvato nella lut del monitor all’interno di:

  • Cal1 se si sta utilizzando il collegamento dvi-d
  • Cal2 con display port
  • Cal3 con hdmi

Quella sotto è una schermata di esempio dei miei profili, con i vari profili e i relativi “pallini” colorati che segnalano diverse informazioni sul profilo in uso ma tratterò questo argomento in una prossima guida.

CG247

Tutti, questi profili posso essere richiamati molto velocemente dall’icona del software nel tray di windows.. è una peculiarità di color navigator !

eizo cg247

Da notare che il software crea un profilo icc nella cartella di windows, ma è neutro e non modifica quindi le lut della scheda video, serve per comunicare le informazioni ai software cms come photoshop.

Monitor compatibili

CG210, CG211, CG220, CG221, CG222W, CG223W, CG232W, CG241W, CG242W, CG243W, CG245W, CG246, CG247, CG247X, CG248, CG318, CG275W, CG276, CG277, CG301W, CG303W, CS230, CS240, CS2420, CX241, CX270, CX271

Sonde compatibili

Eizo colorimeter

Link utili e Info

  • Scarica l’ultima versione di Color navigator 6.4.7  (Mac / Win)
  • Aggiornate Mac Os alla versione 10.10.2 per risolvere compatibilità con color navigator
  • Manuale completo in inglese

Considerazioni Finali

Questa prima guida è indirizzata a chi necessita di calibrare velocemente il proprio monitor Eizo senza aver avuto il tempo di leggere tutto il manuale, molto completo, del software. Ho quindi sorvolato su molti aspetti interessanti che andrebbero approfonditi per ricavare il massimo da color navigator ma cercherò di farlo nelle prossime guide,

–> Mi avete chiesto un consiglio per iniziare ad elaborare le foto con il piede giusto, io vi consiglio QUESTO LIBRO che reputo tra i migliori per chiarezza e numero di esempi proposti. Provatelo!

 

About wazer

Ciao! Mi chiamo Gabriel, sono un fotografo e blogger appassionato di tecnologia con mille idee in testa che cerco di trasformare in articoli e recensioni complete, esattamente come le vorrei leggere sulle riviste specializzate.

Check Also

Recensione Eizo cs2420 il nuovo monitor professionale a 10bit

Recensione EIZO cs2420 D opo il corredo fotografico l’elemento che più di tutti influenza tecnicamente …

Irix 15 mm: considerazioni personali

Irix 15: considerazioni personali Ha fatto parlare molto di se, l’interesse crescente verso l’obiettivo grandangolare …

  • Hubble

    Di grande aiuto wazer! Avevo già calibrato il mio CS240 e la procedura è stata simile….ma non uguale. Mi hai dato preziosi chiarimenti a dubbi che mi erano rimasti. Aspetto la seconda parte della guida alla calibrazione.
    Grazie!!

  • Max

    Bella guida, complimenti, visto che devo acquistare una sonda di calibrazione, ho visto che sul sito Eizo store ne hanno una che costa 89 euri, molto meno che la Xrite 1display pro, quale consigli tu ?
    Grazie
    Max

    • Ciao Max, ti consiglio la xrite i1 display pro che ritengo il miglior colorimetro “consumer” in commercio.
      Gabriele

  • max

    Aiuto wazer ho appena preso un CS240 secondo te posso calibrarlo con il mio vecchio EYE ONE DISPLAY 2?

  • Francesco Riva

    Ottimo tutorial, però non riesco a comprendere il significato del profilo di una carta come la Canson Baryta in uno schermo, come si produce e a cosa serve?

    • Serve per emulare il profilo colore della carta con programmi non cms.

  • Francesco Riva

    Mi scuso per l’ignoranza ma non so cosa significhi programmi non cms, inoltre come si procede fisicamente per creare un profilo della carta, si inserisce il profilo per la stampa come profilo monitor?

    • Si iscriva al forum che ne parliamo.

  • Francesco Riva

    Sono già iscritto come Trex

    • Apra una nuova discussione sul forum.

  • Roberto Pagliari

    Wazer ho un domandone da farti. Ho acquistato da poco X-RITE Colourmunki Display e ordinato proprio oggi un EIZO CS240. Leggendoti leggo che il mio colorimetro non si ‘legge’ con Color Navigator 6. A questo punto, mi conviene (se possibile!) profilare il CS240 con il software X-Rite tralasciando ColorNavigator? Altrimenti? 🙁 Grazie mille del consiglio che mi darai

    • Se puoi acquistare i1 display pro restituento il colormunki display prenderesti due piccioni con una fava 🙂

      • Roberto Pagliari

        Nn riesco a renderlo perche preso c/o negozio fisico a Milano. Posso usare il sotware di xrite secondo te?

        • Meglio basiccolordisplay 5 o dispcalgui ma disinstalla cn6.

          • Roberto Pagliari

            Non trovo un basiccolordisplay ‘disponibile’… puoi aiutarmi con qualche link?
            Grazie

          • Roberto Pagliari

            Scusa wazer, ma non è a pagamento (100 e rotti €)??

          • La demo dura 30 giorni, altrimenti dispcalgui che è gratuito.

          • Roberto Pagliari

            Grazie mille Wazer

          • Roberto Pagliari

            Ciao Wazer, ancora un consiglio. .. e se prendo l’EX3 di Eizo, visto il prezzo non eccessivo? In rete trovo pochissimo in merito… l EX3 mi permetterebbe di sfruttare in toto il software Eizo? Grazie ancora

          • Non lo conosco, dovrebbe essere compatibile ma è meglio mandare una mail a eizo italia 😉

  • Nicola Perrucci

    Ciao Wazer vorrei chiederti se è opportuno prima di usare la sonda di calibrazione, intervenire mediante il menù del monitor per regolare alcuni parametri tipo lo spazio colore Adobe rgb o Srgb o altro ancora!
    Grazie.

    • Ciao Nicola no non toccare nulla anche perchè se calibri con Color Navigator 6 l’accesso al menù del display dovrebbe essere impedito temporaneamente. Il tuo profilo verrà salvato nella lut del monitor e lo puoi richiamare anche dall’osd tramite CAL1,CAL2,CAL3

      • Nicola Perrucci

        Grazie Wazer …ancora una cosa ! Bisogna impostare un profilo stampante anche se ci si serve di terzi per stampare le proprie foto?

        • penso di non aver capito la domanda, se il servizio di stampa ti fornisce il profilo usalo per fare softproofing con photoshop.

          • Nicola Perrucci

            Scusa per la risposta in ritardo…..non mi ero reso conto che dopo aver usato la sonda , si crea un profilo personale! Pertanto se un servizio di stampa on line ci fornisce il proprio profilo , dobbiamo impostarlo manualmente? Se si possiamo richiamarlo quando ne abbiamo bisogno?

          • Se usi photoshop utilizza il softproofing per il profilo che ti mandano, è un software cms.

  • Erre

    Ottima guida Wazer. Domanda, se possibile. Una calibrazione doppio monitor (configurazione desktop esteso) su scheda GeForce 660 GTX è possibile? Leggevo da qualche parte che è possibile solo su schede che supportano certi requisiti… Grazie!

    • ciao, se hai due monitor eizo colorgraphic gestisci tutto da color navigator

  • Marcol83

    Ciao Wazer, complimenti ho letto alcuni tuoi articoli qui sul sito ma anche diversi tuoi interventi su altri forum online.
    Una domanda… ho creato un profilo per la post-produzione fotografica, impostando quindi come da tua guida “Monitor nativo” in fase di calibrazione, lavoro la mia immagine su PS e al momento che vado a stampare tutto ok. Ma se poi decido di pubblicare la stessa foto sul web iniziano i problemi… infatti dopo aver fatto la post con il profilo widegamut se salvo per il web ed imposto “Includi profilo sRGB” le foto una volta caricate risulteranno decisamente sature e anche in windows non vedo i colori correttamente. Diciamo che funziona solo dentro Photoshop.
    Ho già letto anche il tuo articolo sul profilo per il web, ma non capisco come gestire il processo, dal momento che quando lavoro la foto sto in widegamut, cosa devo fare? Prima di salvare l’immagine per il web devo spostare su color navigator il profilo?
    Ti ringrazio 😉
    Marco

    • Ciao, se lavori in prophoto hai convertito il profilo colore in srgb prima di salvarla? Lascia perdere il visualizzatore di windows e usa irfanview con plugin. Se mi giri un link delle tue foto controllo anch’io.