Recensione Eizo ColorEdge CS240

eizo cs240

Introduzione

I fotografi di tutto il mondo investono migliaia di euro in corpi macchina e ottiche  ma stranamente sottovalutano l’importanza di un buon monitor nell’elaborazione dei propri lavori. Da quando il digitale ha preso il sopravvento, l’elemento chiave di tutta la catena è proprio il display che permette alle fotografie di prendere vita e di essere prima modificate e poi stampate, pubblicate su internet o semplicemente salvate in archivio. Muoversi nella giungla dei modelli proposti dalle case può essere difficile ma ultimamente, per i modelli professionali, si stanno affermando i pannelli con tecnologia IPS e l’ultima evoluzione, costituita dall’IPS GB-r led wide gamut, equipaggia il nuovo Eizo CS240. Ho desiderato testarlo fin dall’annuncio e visto il numero di discussioni aperte sui forum di tutto il mondo sono sicuro di non essere l’unico; l’interesse nasce dal prezzo e dalle performace attese ed Eizo lo sa bene perché proporre un monitor del genere meno della metà del prezzo del cg247 può davvero sbaragliare la concorrenza e convincere molti fotografi e videomaker a dotarsi finalmente di un monitor di alto livello.

eizo cs240

Quando la serie SX è uscita di produzione, a mio avviso, la casa giapponese era rimasta un po’ scoperta nella fascia midrange cioè quella in grado di far ponte tra la serie professionale ColorEdge e la serie più economica EV. Ero certo che prima o poi Eizo avrebbe colmato questa lacuna, ma quello che assolutamente non mi aspettavo è che lo facesse con un CG in “miniatura!”. Per permettere a tutti i fotografi di godere di un prodotto professionale Eizo ha deciso di sfidare frontalmente il nutrito gruppo di produttori oggi in pieno fermento che fino a poco tempo fa non sembrava interessato al settore professionale e il modello cs240 sembra nato con questo preciso intento.

Caratteristiche principali

  • Pannello IPS GB-r Led wide gamut
  • 1 miliardo di colori (10 bit con scheda quadro o firepro)
  • Lut 16 bit 1d+matrix programmabile
  • 24 pollici 16:10 ( 1920*1200 ) 94 ppi
  • 100% srgb, 99% adobergb
  • Tecnologia  di controllo uniformità DUE
  • garanzia 5 anni
  • Software di calibrazione color navigator 6 compreso nel prezzo

Eizo cg247

Sembra a tutti gli effetti un CG247 sotto cura dimagrante, nello specifico perde il colorimetro, la lut3d, la palpebra, il controllo sul singolo pannello e lo stabilizzatore di luminosità; cambia quindi una parte dell’elettronica di bordo pur mantenendo lo stesso pannello anche se non dispone del film polarizzato che migliora la stabilità del contrasto come nei due modelli superiori.

– Costruzione

Una volta aperta la scatola pensavo di trovare un monitor uguale al fratello maggiore CG247 privato solamente del colorimetro interno, invece il CS240 utilizza una scocca più semplice, sottile e non paragonabile a quella del top di gamma pur mantenendo una solidità generale buona; probabilmente hanno diversificato gli chassis per mantenere elevate le prestazioni del display ma contemporaneamente contenere il prezzo . Il monitor è prodotto in Giappone, e questo è un pregio, ha una finitura opaca ed al tatto risulta leggermente ruvida il che dona al CS240 un aspetto molto professionale in linea con gli altri prodotti Color Edge. I cavi vengono fatti passare attraverso l’anello posteriore rimovibile sulla base che vedete in foto, anziché nel vano ricavato da sostegno verticale come nel CG247.

cs240

Il nuovo sostegno offre circa le stesse possibilità di posizionamento del CG247, compresa la posizione verticale pivot e una volta montata la base il tutto risulta sufficientemente stabile; non ci si può proprio lamentare.

eizo cs240

Il monitor può essere reclinato posteriormente di circa 40 gradi e la nuova base del CS240 permette un’escursione verticale di 130mm.

eizo cs240

– Gamut

L’Eizo CS240 dispone di un pannello Ips Wide Gamut dotato di tecnologia GB-r led, è quindi giusto aspettarsi ottimi risultati. Gli strumenti confermano che lo spazio colore sRGB è coperto senza problemi ed il volume del gamut del CS240 è di ben il 176% quello sRGB.

eizo cs240 eizo cs240

Anche lo spazio colore AdobeRGB viene inglobato all’interno del gamut del monitor (99% di match e 128% di volume)

eizo cs240 eizo cs240

I risultati confermano le attese e sono, al pari del CG247, impressionanti. La tecnologia AH-IPS combinata con quella GB-r led supera il problema dei precedenti wled utilizzando solamente due diodi colorati (verde e blu) e rivestendoli con una copertura rossa; così facendo lo spazio colore aumenta notevolmente arrivando dove solo le vecchie lampade fluorescenti potevano, pensionandole definitivamente. Ripeto quanto detto nella recensione del CG247: queste performance sono al vertice della categoria.

– Uniformità del pannello -Aggiornato a marzo 2015-

Dopo aver calibrato il CS240 con ColorNavigator e sonda X-Rite i1dDsplay Pro ho verificato l’uniformità della luminosità e del punto di bianco lungo l’intera superficie, punto critico di molti pannelli che al centro esibiscono buone performance mentre ai bordi no.uniformità cs240

L’uniformità di illuminazione di questo pannello LG pilotato da elettronica Eizo e tecnologia proprietaria “Due” è molto buona e sopra la media senza però raggiungere le performance del cg247. La misura del punto di bianco meriterebbe una serie di misurazioni successive per poi fare una media ma ad ogni modo i risultati del Eizo CS240 sulla singola prova sono buoni in linea con quelli registrati per il CG247.

cs 240 cs 240

cs 240 cs 240

cs 240

Riassunto

– Analisi del profilo di fabbrica – Aggiornato a marzo 2015-

L’eizo cs240 offre due profili colore di fabbrica accessibili  dal menù OSD e servono a chi non possiede un colorimetro con cui calibrare il display, abbiamo quindi un profilo colore adobergb e uno sRGB che ho di seguito verificato: cliccate sui link.

Analisi srgb:

cs240srgb1

Measurement Report adobeRGB

cs240adobe

I risultati sono ottimi e vi consentono di lavorare al meglio all’interno di quei due profili, io consiglio comunque di comprare un colorimetro come l’ottimo X-Rite i1Display Pro  perchè oltre a potervi creare profili personalizzati nel tempo dovrete verificare e correggere anche quelli di fabbrica tramite la funzione automatica che Eizo mette a disposizione nel menù.

– IPS Glow e Backlight bleed

I monitor dotati di pannelli IPS come il CS240 possono mostrare alcuni tipici difetti riguardanti la presenza di aloni più chiari provenienti dagli angoli (glow) e punti di luce anomali provenienti dalla cornice (bleed). E’ un problema che colpisce praticamente tutti i monitor IPS; in alcuni casi è davvero evidente e fastidioso ed è compito del produttore decidere quali pannelli montare sulla propri display e come intervenire per limitare il fenomeno. In questo caso i nostri occhi sono un buono strumento di misura e sono in grado di notare questi bagliori anche guardando un semplice filmato con fondo scuro, ma portando all’estremo il test si può fotografare il pannello in una stanza buia mentre visualizza un’immagine nera. Eizo ha dotato i monitor della serie ColorEdge di una tecnologia chiamata DUE (Digital Uniformity Equalizer) che promette di neutralizzare le fluttuazioni di luminosità e di tonalità lungo l’area del monitor; è possibile impostarla su due differenti priorità: uniformità o luminosità.

cs240 glow

Per mostrare questo fenomeno ho scattato una foto a 1/2 di secondo, iso 1600 e f/3.2  che non rispecchia un normale utilizzo del pannello perché i nostri occhi non avrebbero colto così bene i bagliori. Il bleeding è completamente assente mentre si notano dei leggeri bagliori provenienti dagli angoli in alto (glow) e una leggerissima tinta rossa in basso a sinistra, il tutto è molto uniforme e la prova sul CS240 è andata bene; sul mercato sono presenti monitor IPS con evidenti problemi di infiltrazione di luce ma non è questo il caso.

– Rivestimento e leggibilità

Ho prestato particolare attenzione alla leggibilità dei testi per rispondere ad una specifica domanda (MAU) che mi è stata posta nei giorni scorsi. Il trattamento opaco sembra lo stesso impiegato sul CGg247 e protegge bene dai riflessi e dalle luci parassite consentendo una leggibilità dei testi molto buona ed a mio parere senza nessun tipo di effetto di granulosità. La prima immagine è stata ripresa con un ingrandimento 2:1 e obiettivo 60mm micro con fotocamenra D800E, la seconda invece con lo stesso obiettivo ma da una distanza maggiore (non macro).

cs240-rgb eizo-cs240-testi

 

 -ColorNavigator 6

Ho già speso molte parole su questo ottimo software nelle precedenti recensioni, nella guida che ho realizzato sulla calibrazione e sono curioso di testarlo con il nuovo CS240 visto che Eizo ha deciso di fornirlo gratuitamente anche per questo modello (mentre con i precedenti display veniva venduto separatamente al prezzo di 200 euro). Una volta installato sul computer ed attivata la funzione di calibrazione, il software prende il pieno controllo del monitor bloccando ogni possibile intervento dal menù OSD. Troviamo meno opzioni rispetto al CG247 e l’esclusione riguarda tutta la parte di emulazione compiuta dalla lut3d, assente sul nostro CS240.

Eizo cs240

Per creare nuovi profili dovremo acquistare una sonda a parte, io ho usato una X-Rite i1Display Pro, il software ne ha già tre preinstallati e se ne possono quindi aggiungere altri cliccando su “create new target”

CG247

color navigator 2

color navigator 3

color navigator 4

CG247

Questo software andrà a modificare i parametri dell LUT 1d+matrix a 16bit (uguale a quella montata sul CX271) presenti nel monitor e quindi la calibrazione sarà “hardware” togliendo in automatico a windows il controllo della gestione del colore. CN6 creerà anche un profilo neutro all’interno della cartella di sistema che serve ai programmi cms come Photoshop per capire come gestire il monitor. CX241 e CS240 fanno quindi affidamento sulla classica e affidabile LUT 1d+matrix e le poche differenze tra loro sono riassumibili con la presenza di un sensore di autocorrezione del profilo e lo stabilizzatore di luminosità.

La validazione del profilo ha restituito ottimi risultati, considerando che il pannello è ancora in rodaggio e che i valori tendono con il tempo ad assestarsi.

eizo cs240 qerwerqwe

-Menù OSD

Tramite i tasti presenti sulla cornice del monitor abbiamo accesso al menù OSD che dispone di molti parametri di configurazione tra cui profili colore preinstallati da usare in “emergenza” qualora non fosse possibile calibrare il monitor con un colorimetro esterno (cosa che consiglio sempre di fare).  Cliccando su “MODE” avremo accesso a questi profili.

eizo cs240

cs240

La voce CAL2 si riferisce al profilo personalizzato creato con CN6 e salvato nella lut del monitor e che non può essere modificato dal menù OSD al contrario della voce custom che dispone di tutti i controlli manuali.

eizo cs240

Cliccando su advance si possono modificare ulteriori parametri

eizo cs240

Il menù offre altri parametri avanzati le cui funzioni sono spiegate nel manuale del monitor.

eizo cs240

Selezionando “monitor info” compariranno le ore effettive di utilizzo del monitor, utile per verificare se il monitor acquistato è davvero nuovo.

eizo cs240

La potenza del software Color Navigator si riconosce nei particolari ed è così in simbiosi con il monitor che lo blocca quando  sta effettuando le operazioni di calibrazione o di settaggio

eizo cs240

restituendo il controllo all’utente subito dopo aver salvato il profilo nello slot dedicato del monitor.

eizo cs240

 – Connessioni e dotazione

L’Eizo CS240 è dotato di 5 ingressi e due uscite.

eizo cs240

  • HDMI 1.4
  • DVI-D
  • display port 1.2
  • 2 USB 2.0 in
  • 2 USB 2.0 out

Viene fornito con i seguenti accessori.

eizo cs240

  • cavo display port (mini/regular)
  • cavo USB
  • cavo DVI-D
  • cavo alimentazione
  • ColorNavigator6 + manuali e guide complete
  • Guida cartacea introduttiva

Fate attenzione: Il cavo Displayport fornito nella confezione è in realtà dotato di un doppio attacco di cui uno Mini (foto). Il monitor ha l’attacco standard e se anche la vostra scheda video lo possiede (foto) dovrete dotarvi di un Adattatore Display to Mini DisplayPort o in alternativa un Cavo DisplayPort 2m con connettore standard .

– Spazio di lavoro

Negli ultimi anni la diagonale degli schermi è cresciuta e con lei la risoluzione, Eizo  ha invece deciso di utilizzare una risoluzione di 1920×1200 che garantisce un perfetto equilibrio tra leggibilità dei contenuti e spazio per elaborare le immagini. Il CS240 è 16:10, cioè un rapporto tra i lati più adatto alla fotografia rispetto al 16:9 e  i 94ppi garantiscono un ottimo comfort visivo.

cs240

Quando le risoluzioni dei display si fanno importanti, i compromessi possono diventare troppi se il sistema operativo e programmi non supportano bene lo scalinge e se da un lato ne guadagna lo spazio su cui poter elaborare le immagini dall’altro può non piacere il ridimensionamento subito da alcuni contenuti; se è vero infatti che i testi possono essere ridimensionati senza perdita di qualità, non succede lo stesso con i contenuti non vettoriali come le immagini jpg. Un monitor così realizzato permette di non mostrare rimpiccioliti  quei contenuti non vettoriali a bassa risoluzione come i jpg sul web che poco si adattano a risoluzioni elevate.

– 10 bit

Il CG247, come il CX271 consente di visualizzare 1,073 miliardi di colori ossia lavora a 10 bit per canale,  rispetto al classico 8bit (16,7 milioni). E’ un grande salto in avanti e nella pratica si traduce nell’assenza di scalettature (banding) in quelle immagini con forti gradienti, come  ad esempio le foto di paesaggio con elevato contrasto tra cielo e primo piano. Per testare i 10 bit potete scaricare il fle ramp:  Test dei 10 bit , Nec 10 bit  3d  e se notate delle bande grigie al posto di un gradiente uniforme i 10 bit non stanno funzionando correttamente.

10-bit

Ho scritto un articolo completo a riguardo ma, riassumendo, per sfruttare questa caratteristica avremo bisogno di:

  • Una scheda video professionale come l’nvidia quadro o alcune ATI Fire Pro (partono da 150 euro in su)
  • Un cavo display port
  • Monitor 10 bit
  • Programmi in grado di sfruttare questa funzionalità come Adobe Photoshop (dalla versione CS5 in su).
nvidia 620 quadro ati fire pro v4900

Schede video necessarie per i 10 bit

Conclusione

Dopo aver utilizzato questo cs240 per ore e confrontandolo con gli altri due Eizo che possiedo (CG247 e CX271) posso dire con assoluta certezza, rivolgendomi ad un pubblico di fotografi, che difficilmente troverete sul mercato un monitor più completo e performante del CS240 al di sotto dei 700 euro . Eizo ha risposto alla concorrenza colpo su colpo senza limitarsi a proporre un monitor di classe media bensì presentando un prodotto che entra di diritto nella famiglia dei display professionali. Se non vi interessano i 27 pollici del CX271, ora avete l’opportunità di scegliere un monitor professionale con una spesa contenuta ma altamente performante e duraturo (5  di garanzia). Per arrivare a proporre a questo prezzo un “mini CG247“, con le perfomance che ho descritto nella recensione Eizo ha usato alcune astuzie produttive ed eliminato alcuni componenti senza però intaccare le fondamenta del progetto e il risultato è più che buono ma le prestazioni del CG247 restano superiori e le differenze ne giustificano il prezzo (due volte e mezzo superiore). I due modelli non entrano quindi in competizione diretta perché diverso è il mercato di riferimento composto principalmente da professionisti della stampa e videomaker per il CG247 e da fotografi per il CS240.

In conclusione, credo che un fotografo in cerca di un monitor dalle performance solide e con prezzo non eccessivo, che al tempo stesso apprezzi il formato 16:10 e la compattezza di un 24 pollici, dovrebbe seriamente considerare l’acquisto di un CS240.

Assegno le 5 stelle e il premio best value for money per il miglior rapporto qualità prezzo .

Mi avete chiesto un consiglio per iniziare ad elaborare le foto con il piede giusto, io vi consiglio questo libro che reputo tra i migliori per chiarezza e numero di esempi proposti, provatelo!

eizo cs240

wazer

Link utili

 

cs240

Un ringraziamento speciale a Najo78 per aver svolto alcuni test aggiuntivi.

 

Ti è piaciuta la recensione? Commenta qui sotto e vieni sul nuovo forum!

Seguimi anche su facebook!